z

Una passione nell’armadio

15-05-2015

Buongiorno, sono Alessandra e vi racconto la nascita della mia passione per le borse e il marchio Braccialini. Il tutto risale agli inizi del 2009, quando ho visto su una rivista di ampia diffusione la pubblicità di una borsa pazzesca che raffigurava la Casina di Marzapane. Le borse mi sono sempre piaciute moltissimo, ma non avevo una fedeltà particolare a una o all’altra marca, anzi, me le facevo confezionare da un artigiano con pellami miei di vario tipo e colore, scegliendo di persona il modello e gli abbinamenti. Per soddisfare la mia curiosità, mi sono recata nel negozio di Corso Venezia a Milano e ho acquistato il tema Casina di Marzapane, che ricordo era appena arrivato, essendo della collezione p/e 2009. In quella stessa occasione ho anche acquistato una meravigliosa borsa a mano modello Mirtillo, color rosa cipria, che era in saldo, essendo della collezione invernale appena passata. Ecco, queste sono state le mie prime due borse Braccialini, a cui sono affezionatissima. A queste ne sono seguite decine e decine, oltre a temi, portafogli, portachiavi, calzature, foulard, cinture, gioielli, ecc. Al momento ho una vera collezione che occupa un intero armadio e di cui vado molto molto orgogliosa. A consolidare questa mia passione, che nel frattempo ha contagiato anche mia mamma Franca, ha contribuito il gruppo Facebook “Braccialini…sempre e solo Braccialini”, dove ho trovato tante amiche con cui condividere la mia/nostra passione. Di recente mi sono trasferita dalla Lombardia alla Sicilia e il dover scegliere quali borse portare e quali no ha richiesto un sacco di tempo. Quanto ero indecisa! Alla fine ho portato con me solo borse estive e nessun tema (purtroppo), ma presto tornerò a prendere anche loro, me lo riprometto. Fra l’altro, proprio sotto la casa nuova mi sono ritrovata un negozio Braccialini… allora è proprio destino! Come ultima cosa, dico che a breve compio 40 anni e il mio amore Bob mi ha comprato una stupenda borsa Braccialini che mi arriverà fra pochissimo, non vedo l’ora!

Alessandra Negrini