Il brand delle favole

24-04-2015

Mi fermavo a guardare i materiali, i colori, le storie, i viaggi. Come da bambina m’incantavo davanti alla vetrina del negozio di giocattoli dove le bambole, una più bella dell’altra, mi sorridevano. Raccontavano una fiaba e mi portavano in luoghi lontani e fantastici. Così è per queste borse fiabesche che raccontano di mondi spesso sognati da piccina. Una borsa per una favola…pare di udire il cantastorie e le sue musiche e parole ci accompagnano ad ogni passo.

Cristiana Cipriani

 

Approfondisci

Pelletteria d’arte: le mie Braccialini

17-04-2015

Ho sempre amato queste borse, ricche di colore e di dettagli speciali, ma per anni le ho ammirate da lontano, proprio come si fa con le grandi opere d’arte…con una sorta di adorazione reverenziale e con un pizzico di timore. Indossare una Braccialini è impegnativo, diciamocelo. Non tanto, o forse non solo, perché, come ogni opera d’arte, va trattata con il dovuto riguardo, quanto piuttosto per la personalità che necessariamente bisogna possedere per camminare per strada con quel tripudio di colori che, ad esempio, sono le mie adorate Cartoline! Dunque, dicevo, per anni la mia è stata una passione segreta e non consumata. Poi un giorno, dopo un periodo particolarmente difficile della mia vita, ho deciso di farmi un regalo, di comprare un pezzettino di felicità…e così è arrivata la mia prima Braccialini! Sin dal primo momento che l’ho avuta tra le mani, ho capito che mai più avrei potuto avere altre borse. Perché in fondo le altre borse sono dei semplici contenitori di oggetti, mentre una Braccialini è un po’ della tua anima, che lasci che gli altri possano guardare.

Chiara Silano

 

Approfondisci

L’amore per Braccialini è anche social

10-04-2015

Ho sempre conosciuto il brand Braccialini ed ho sempre molto apprezzato tutte le creazioni, l’originalità e la bellezza di questi “capolavori” ma, proprio per questo, li ritenevo troppo fuori dalla mia portata. Per anni ho sognato di avere non una borsa qualsiasi ma “la borsa” per antonomasia, purtroppo senza successo. C’era sempre qualche altra cosa che mi impediva di realizzare il mio desiderio: prima erano le spese universitarie e poi il master, la finanziaria dell’auto, le spese per la casa….oramai era diventato un miraggio, un qualcosa d’irraggiungibile. Poi, un giorno, girovagando su un social network, mi sono imbattuta in un gruppo di amanti e collezioniste del marchio. Ho chiesto di essere iscritta e dopo l’approvazione mi sono sentita come “Alice nel paese delle meraviglie”: foto di borse meravigliose, ciascuna postava il proprio tesoro e si spaziava tra Cartoline, Temi, Clio, un sogno ad occhi aperti…
Le ragazze condividevano le loro collezioni ed io li, con occhi sgranati ma impossibilitata a “partecipare”. Però si sa, le passioni legano e così anch’io ho legato con le iscritte del gruppo e parlando delle nostre esperienze hanno fatto in modo che anch’io facessi parte di questo fantastico “gruppo”, che anch’io potessi iniziare a collezionare Braccialini e così è stato ed oggi, con grande orgoglio, devo dire di averne più di qualcuna. Per questo mi sento di dover ringraziare tutte le mie nuove amiche virtuali, che pur non avendo mai incontrato di persona, sento molto vicine a me: grazie gruppo, grazie ragazze, grazie Braccialini. Vi adoro.

N.B.: oramai la mia passione e’ nota a tutti, anche in famiglia, per cui nessuno, in prossimità di qualche festa, mi chiede più: “cosa vorresti per regalo?”, sanno quello che voglio e null’altro!

Tamara Lauri

 

Approfondisci

Azalea: il regalo più bello per l’esame di maturità

02-04-2015

È Lei.
Brilla come un diamante al sole, sembra un fiore che sta per sbocciare!
I suoi intagli nella pelle bianca splendono grazie alla seta dorata che la avvolge all’interno, e da lontano scorgo lo sbrilluccichio delle pietre che la impreziosiscono, rendendola unica nel suo genere!
Tanto bella, che quasi sembra non essere materiale, ed è di fronte a me ma credo che mai potrà essere mia.
Non sono l’unica ad essersene innamorata, e 1000 donne la guardano con sguardo ammirevole.
Esco dal negozio, pensando che probabilmente, anche volendo non la troverò più, è troppo bella per non avere un’accompagnatrice!
Torno dopo alcune settimane, e Lei è lì! Mi luccicano gli occhi, forse quella borsa dev’essere mia. È azalea, ed è il mio regalo per il diploma di maturità!

Isabella Dugo

 

Approfondisci

In attesa della mia prima Braccialini…

30-03-2015

Oggi vi voglio raccontare un segreto.
Amavo la moda ma non amavo le borse in particolare, anzi le ignoravo proprio…finchè un bel giorno non ho scoperto le borse Braccialini: è stato amore a prima vista. Ogni borsa è un opera d’arte: alcune raccolgono semplici oggetti quotidiani, esaltandoli a qualcosa di bello, raffinato, ricco di dettagli… qualcosa che nella vita di ogni giorno passa inosservato, ma racchiuso in una borsa Braccialini, con i suoi infiniti dettagli, cattura il tuo sguardo per sempre e non lo lascia più andar via.
Altre borse raccontano essenze e momenti di posti lontani che ti fanno viaggiare con la fantasia vivendo, o rivivendo, i colori e le atmosfere di quei posti.
Purtroppo il mio viaggio con le Braccialini deve ancora iniziare ma (non lo dite a nessuno) ho scoperto che una arriverà presto per il mio compleanno: già la adoro!!!
Spero che ci sia sempre una Braccialini accanto a me, perchè anche nelle giornate più cupe e grigie una borsa così al tuo fianco, con un semplice sguardo, rende ogni giornata più colorata e luminosa. Ecco perchè non sono semplici borse!!

Mary Mezzina

 

Approfondisci

Braccialini mon amour!

27-03-2015

E anche fuori dall’Italia…
Un giorno mamma mi mandò un pacco per posta, il biglietto che lo accompagnava diceva semplicemente “Guarda cos’ho trovato”. Fu amore a prima vista: dentro trovai il fungo più bello che avessi mai visto, perfetto ed unico in ogni suo dettaglio e allo stesso tempo capiente per portare sempre con me tutto quello di cui ho bisogno.
Da allora anch’io sono diventata quella “dalle borse originali” e anch’io non riesco più ad apprezzare borse di altri brand. Le ho tutte con me a Bruxelles dove vivo e mi capita di essere fermata per strada da sconosciute attratte dalle mie borse. Addirittura le guardie all’ingresso dell’edificio dove lavoro si dilettano a guardare ogni giorno con quale borsa arrivo e se le ricordano quasi tutte (“Ah oui, et elle a aussi un champignon et un bateau!”), ed io non potrei esserne più orgogliosa!!

Lucrezia Bove

 

Approfondisci

Braccialini: il sogno di una studentessa

23-03-2015

L’amore per le Braccialini ormai è una mania, una passione. È una gioia quotidiana cambiare, indossare, conservare e collezionare le borse di questo brand, creazioni uniche in grado di regalare un sorriso, anche solo nell’osservarle e sfoggiarle, sia per chi le indossa sia per chi le osserva! La mia storia con le borse Braccialini nasce qualche anno fa, grazie ad un regalo! Le avevo sempre guardate e ammirate da lontano, da studentessa, studiando a Firenze e vivendo alla fine di Borgo Ogni Santi, la passeggiata settimanale a via della Vigna Nuova era un obbligo. Non si poteva tornare a casa facendo un’altra strada, a qualsiasi ora la vetrina doveva essere vista, osservata e spulciata! L’ironia del destino ha voluto che la mia passione sia cresciuta dopo aver lasciato Firenze, dopo aver iniziato a lavorare e aver avuto una disponibilità economica maggiore. Da studentessa le guardavo, le sognavo ma non mi rendevo conto che in fondo erano anche accessibili… ma le priorità, vivendo fuori di casa, erano altre.
Tornando da un viaggio il mio fidanzato mi venne a prendere in aeroporto con un pacco tutto infiocchettato, forse doveva farsi perdonare qualcosa… ma da lì “iniziò la fine”. Oggi il fidanzato è ancora lo stesso ma la collezione è cresciuta esponenzialmente, occupando armadi interi, sottraendo spazio al fidanzato. Mi sento di scrivere in quanto amo davvero le “mie”-vostre “borse” e non sarei mai in grado di separarmene, regalarle, gettarle o scambiarle. Sono quell’accessorio che completa un abbigliamento semplice che colora un giorno triste, insomma sono fondamentali, almeno nella mia vita !

Severina Grassi

 

Approfondisci

Il mio primo grande amore: il Gatto con gli stivali

17-03-2015

Sono sempre stata una patita di borse, ricordo che quando presi il mio primo stipendio uscii dal mio ufficio e corsi in centro ad acquistare la borsa dei miei sogni di allora, rientrai a casa super felice con la mia nuova borsa ma senza un soldo.
Ma un giorno passando davanti una pelletteria mentre guardavo distrattamente la vetrina… ECCOLA, mi sento chiamare: era la Gatto con gli stivali! Ancora non conoscevo il marchio Braccialini. Entro, chiedo al commesso di farmela vedere da vicino e fu un vero colpo di fulmine, meraviglia delle meraviglie: morale? Sono uscita di lì con al braccio la nuova borsa. Restai tutta la serata ad osservare ogni piccolo particolare emozionandomi e facendo telefonate alle mie amiche raccontando loro della mia nuova “scoperta”.
Come la Francesca Ferrari oggi non ho più borse che non siano Braccialini con un armadio dedicato solo a loro. Non sono legata ad una in particolare io le amo TUTTE! A seconda del mio stato d’animo escono con me. Quando vado dal parrucchiere le clienti mi chiamano “quella con le borse strane” e ne vado orgogliosa: io sono una “Braccialiniana”!

Stefania Ciaffaroni

 

Approfondisci

Era solo una borsa

16-03-2015

Una fredda mattina di inverno, azzarderei anno 2009, come ogni giorno alle 7.50 accompagno trafelata mia figlia all’asilo a Settignano, io entro in ufficio alle 8.
A quell’ ora sulla collina c’e’ sempre molta nebbia….parcheggio lungo la strada, metto la mia borsa dell’epoca sotto il sedile dell’auto, cammino verso la scuola, saluto la bimba e faccio ritorno al parcheggio.
Mi si presenta una scena da film, nessuno nei paraggi, il finestrino lato passeggero in frantumi completamente disintegrato, la vettura piena di micro frammenti di vetro, la borsa sparita e con lei tutta la mia vita! Qualche secondo per fare il punto della situazione, giornata passata fra le pratiche burocratiche. Nottetempo il pensiero di metterci una pietra sopra ed approfittare per un nuovo acquisto. Il giorno successivo ero a Firenze in via della Vigna Nuova con mia mamma, mai entrata prima nello store, mai avuta una Braccialini e ho visto lei… nera e verde una meraviglia, fra tanta scelta non ho avuto dubbi, jacquard nera con macchinine verdi, portafoglio abbinato e portachiavi uguale.
Con questo gioiello corro a casa metto negli scatoloni tutte le borse che avevo (e sottolineo proprio tutte le borse che avevo) le regalo e rimango con lei. Io e lei da riempire di nuova quotidianeità.
A lei ne sono poi seguite tante altre, piccola pelletteria, foulard, ombrelli… ma per la mia prima Braccialini ho un affetto speciale, solitamente la faccio uscire dalla sua dust bag in autunno, la mia stagione preferita perché ha quei colori tipici del bosco, si intona con i miei occhi e mi da sicurezza.
Si, forse una sciocchezza, una leggerezza… ma a volte si vive anche di episodi.
P.S.: mai più comprata una borsa di un altro brand, nessuno osa neanche regalarmele.

Francesca Ferrari

 

Approfondisci