z

“Braccialiniana dentro”

1-05-2015

Il mio “amore” per le borse Braccialini risale a Natale 2009 quando il mio fidanzato, in un momento di “non so più cosa regalarti”, mi dice il tuo regalo di Natale lo andiamo a prendere insieme e puoi scegliere quello che vuoi. Andiamo in un negozio della mia città (Padova) e vengo catturata follemente da una visione. Dalla vetrina del negozio di borse la cartolina Allo zoo con Braccialini mi ammiccava e mi diceva prendimi. Il mio ragazzo non era tanto convinto, ma prontamente gli ho ricordato che mi aveva detto che potevo scegliere quello che volevo. Detto fatto! Io avevo scelto la “mia” cartolina. In macchina non facevo altro che ammirarla, avevo quasi paura di poterla rovinare con il pensiero. E’ troppo bella, con il peluche verde che ti ricorda tanto gli animali di cui io vado matta.
Lei è la mia Braccialini n. 1 ed è stata la prima di molte, quella che non si scorda mai, e non rimpiango sia stata la n. 1. La ricomprerei ancora.
Diciamo che ormai le colleziono, insieme a tutto quello che può essere marchiato Braccialini (ad oggi, se non ho fatto male i conti, 44 borse di cui 2 temi – fungo e casina di marzapane – e 3 limited edition – una molto limited, 1 orologio, 8 portachiavi, 4 calzature, 5 sciarpe/foulard, 6 portafogli, 2 cinture, 4 ombrelli e 2 jewels).
Dalla mia prima Braccialini sono entrata a far parte di questo mondo fantastico, il mondo Braccialini. Un mondo magico, del quale non puoi più farne a meno. Che ti entra sotto pelle.
Ho avuto la “fortuna” di vincere il Creative Contest indetto dalla Braccialini nella categoria folk, il cui premio era la realizzazione della borsa da me creata in un unico esemplare; quindi sono ancora più felice di questo, perché questa Braccialini è tutta e sempre solo mia.
Sono borse che ti rendono ogni giorno felice della scelta fatta, della scelta fatta nel 2009 e che sai già non cambierà mai, ecco perché vado fiera di dire che io sono Braccialiniana dentro, fuori e tutt’attorno

Jessica Gastaldello